Festeggiamo l’8 Marzo facendo salire a bordo gli uomini

8marzo1 copiaL’8 Marzo vuol dire tante cose diverse per le donne, anche in funzione di dove vivono e che ruolo ricoprono nella società. Per qualcuna l’aspirazione è poter camminare per strada nella propria città senza rischiare lo stupro, per qualcun’altra andare a scuola o muoversi liberamente, non accompagnata da un uomo. Per alcune donne il terreno di conquista si è spostato nelle organizzazioni, dove il genere femminile rivendica giustamente di poter accedere a ruoli di rilievo nella leadership e nella governance.

La violenza domestica (perpetrata dal coniuge, fidanzato, boyfriend, padre, fratello, ecc.) contro le donne rimane invece purtroppo un tema sempreverde e trasversale: riguarda potenzialmente tutte, indipendentemente dal ceto, dal livello di istruzione e dall’area geografica. Anche se, naturalmente, la situazione in alcuni posti è peggio che in altri, non c’è posto al mondo in cui le donne siano sempre al sicuro tra le mura di casa propria (o della casa del fidanzato). Su questo tema l’attenzione deve continuare e la vigilanza deve essere massima.

Tornando alle situazioni di partenza così diverse in cui si trovano le donne, non devono farci sentire meno solidali tra noi: i problemi delle donne ci riguardano come donne. Allo stesso tempo, il  tema nuovo su cui riflettere è il coinvolgimento degli uomini nella conquista della parità tra generi.

Li dobbiamo far salire a bordo perché la polarizzazione uomini-contro-donne e il vedere il gioco come se fosse a somma zero, non favoriscono il cambiamento culturale necessario nelle coppie, nelle famiglie, nelle organizzazioni e nella società. L’organizzazione non-profit Leanin, che promuove la leadership femminile e le pari opportunità, ha lanciato un’iniziativa per coinvolgere gli uomini che si chiama Leanintogether. Molte altre iniziative stanno fiorendo con lo stesso scopo. Addirittura, il tema della violenza contro le donne ormai viene affrontato anche da organizzazioni che si rivolgono ai maltrattanti uomini per aiutarli a curarsi.

Questo 8 Marzo prendiamo l’opportunità per ringraziare gli uomini illuminati che supportano le donne e per chiedere loro un aiuto nel diffondere le nostre idee di pari opportunità e di rispetto reciproco tra generi.

Info Odile Robotti
Odile Robotti, ha una laurea in Economia Politica (Università Bocconi), un MBA (SDA Bocconi) e un Ph.D in psicologia (University College London). Ha lavorato in IBM e in McKinsey&Co prima di fondare la società di formazione manageriale Learning Edge (www.learningedge.it). È docente presso l’Università Vita-Salute San Raffaele e cofondatrice e presidente di un’organizzazione di volontariato (MilanoAltruista) e di un’associazione senza fini di lucro (ItaliaAltruista).

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: