Stasera mi butto – Le sfide della leadership al femminile – Pillola N. 2

tattoo2Essere fearless, cioè privi di paura, è un importante denominatore comune delle persone di successo. Se pensavate che fosse l’intelligenza o l’abilità, ripensateci.

E’ stato detto che “i leader sono dei visionari con un senso della paura poco sviluppato e nessuna idea delle alte probabilità di insuccesso”. Se essere buoni leader è qualcosa di più rispetto ad avere visione e coraggio, è però vero che senza la presenza di questi due ingredienti è difficile che la leadership si possa esprimere.

In pratica, essere fearless, consiste nel non avere paura di sbagliare, di prendere dei rischi, di fare le cose diversamente, di far arrabbiare qualcuno perché non si segue una procedura e di violare lo status quo.

Il coraggio di “buttarsi” non è solo incoscienza del pericolo e non è solo una caratteristica innata. Si può imparare, ma richiede anzitutto un cambiamento di mentalità:

  1. Bisogna smettere di misurare il successo come assenza di insuccessi. Il successo è, se ci pensate, solo il numero di volte che abbiamo avuto successo. L’assenza di sconfitte è una misura molto meno interessante e, infatti, poco usata da chi se ne intende. Anche perché caratterizzia sia le persone “con super-poteri” (quelli che non sbagliano un colpo), sia quelli che non fanno mai nulla (o fanno solo le poche cose che sanno fare bene)…
  2. Il fatto di “buttarsi”provando tante cose, aumenta sia il numero degli insuccessi sia quello dei successi (è un fatto statistico). Tuttavia, di solito, aumentano più che proporzionalmente i successi perché…
  3. Sbagliando si impara. Non è solo un antico detto. Gli errori sono in cima alla classifica per la capacità di insegnarci cose nuove.
  4. Il successo non arriva sempre bello pronto, impacchettato e infiocchettato. A volte arriva proprio dal fallimento di qualcosa che ci fa venire un’idea nuova (il caso che si cita sempre è quello dei post-it: la colla usata fu un insuccesso perché i pezzettini di carta gialli potevano essere facilmente staccati…). Ecco, riconoscere una innovazione mascherata da insuccesso, è molto utile.

 

Info Odile Robotti
Odile Robotti, ha una laurea in Economia Politica (Università Bocconi), un MBA (SDA Bocconi) e un Ph.D in psicologia (University College London). Ha lavorato in IBM e in McKinsey&Co prima di fondare la società di formazione manageriale Learning Edge (www.learningedge.it). È docente presso l’Università Vita-Salute San Raffaele e cofondatrice e presidente di un’organizzazione di volontariato (MilanoAltruista) e di un’associazione senza fini di lucro (ItaliaAltruista).

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: