Percezione selettiva, stereotipi, donne e matematica

300px-Keemiline_reaktsioonMettete insieme questi quattro ingredienti e avrete una reazione. Anche un ottimo articolo (How stereotypes impair women’s careers in science), firmato Ernesto Reuben, Paola Sapienza e Luigi Zingales, di cui tutti parlano in questi giorni.

Gli autori si chiedono come mai le donne siano meno rappresentate nelle professioni matematico-scientifiche e ipotizzano che la causa sia la discriminazione di genere. La questione è interessante perché, se fosse vero, non basterebbe agire sulle ragazze incoraggiandole nella direzione delle scienze e della matematica (come sapete ci sono varie utilissime iniziative in questo senso), ma bisognerebbe contrastare la discriminazione, per esempio con la formazione e con un livello di attenzione molto alto.

Per mettere alla prova la loro ipotesi,  Reuben, Sapienza e Zingales hanno fatto un esperimento in cui alcuni partecipanti di ambo i generi dovevano selezionarne altri partecipanti, anch’essi uomini e donne, per svolgere un compito aritmetico (da notare che si trattava di un esercizio in cui non vi sono differenze di performance legate al genere).   In assenza di informazioni, entrambi i generi sceglievano gli uomini due volte di più delle donne. La situazione non cambiava molto quando ai partecipanti era chiesto di dichiarare la propria performance in quel tipo di compito aritmetico perché gli uomini la sovra-stimavano e le donne viceversa. Il fenomeno per cui le donne sotto-stimano e gli uomini sovra-stimano la propria performance è noto e documentato, ma i partecipanti nel ruolo di selezionatori non ne tenevano conto.

Il risultato è chiaramente riconducibile alla forza dei pregiudizi di genere misurati con l’Implicit Association Test, un test in grado di identificare i pregiudizi impliciti, cioè quelli cha si hanno senza esserne consapevoli e spesso senza volerli avere. Chi aveva maggiori pregiudizi di genere impliciti, faceva più fatica a operare una selezione che non ne venisse influenzata. Perfino se  l’informazione della performance passata nello stesso tipo esercizio veniva fornita da una fonte esterna,  il pregiudizio contro le donne si riduceva ma non si eliminava del tutto.

La percezione selettiva è il meccanismo per il quale selezioniamo la percezione di ciò che ci circonda, vedendo, sentendo e capendo quello che ci interessa ed escludendo il resto. Molto efficiente, addirittura provvidenziale visto senza questo meccanismo saremmo sempre in sovraccarico cognitivo, ha  purtroppo ha alcuni aspetti negativi da tenere presente. In pratica, non ci fa percepire la realtà per quello che è, ma per quello che ci aspettiamo che sia. Se ci aspettiamo, magari anche solo inconsciamente, che le donne siano meno abili in matematica, ecco che possiamo arrivare anche a ignorare (non vedendola) l’evidenza che ci indica che le donne sono altrettanto brave.

Forse le donne non si iscrivono alle facoltà scientifiche non solo perché le abbiamo fatte giocare da piccole con la Barbie invece che col Piccolo Chimico e col Meccano, comunicando chiaramente le aspettative di genere, ma perché sanno che queste stesse aspettative stanno nella testa di chi le selezionerà nel mondo del lavoro e hanno il potere di danneggiarle. L’auto-esclusione delle donne dalle carriere scientifiche può essere una ricerca del percorso di minore resistenza nel mondo del lavoro e la loro esclusione frutto di valutazioni viziate dagli stereotipi. Peccato che la meritocrazia vada a farsi benedire e molto talento venga sprecato.

Info Odile Robotti
Odile Robotti, ha una laurea in Economia Politica (Università Bocconi), un MBA (SDA Bocconi) e un Ph.D in psicologia (University College London). Ha lavorato in IBM e in McKinsey&Co prima di fondare la società di formazione manageriale Learning Edge (www.learningedge.it). È docente presso l’Università Vita-Salute San Raffaele e cofondatrice e presidente di un’organizzazione di volontariato (MilanoAltruista) e di un’associazione senza fini di lucro (ItaliaAltruista).

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: