Cinque propositi per l’anno nuovo dedicati a aspiranti leader

La Harvard Business Review (HBR) ha pubblicato, nell’ultimo numero del 2011, 5 propositi per l’anno nuovo che suggerisce ad aspiranti leader.

Forse non sono cose nuovissime, ma sono quelle giuste. Eccole nell’ordine in cui le riporta l’articolo:

  • Trovarsi un mentore. Significa trovare una persona che ammiriamo per il successo raggiunto, per i valori che esprime e per lo stile che adotta e chiedere a questa persona di diventare nostro sponsor. La prima parte non è sempre banale, la seconda richiede coraggio, ma vale la pena.
  • Formare un gruppo di sviluppo di leadership. Significa trovare altre 5-7 persone con cui trovarsi periodicamente per condividere e discutere le sfide e le opportunità della leadership. Serve a sentirsi meno soli, oltre che a sviluppare la leadership. Un po’ americano come consiglio? Se da noi non si fa, peggio per noi: un’occasione di crescita mancata.
  • Fare volontariato. Di qualsiasi tipo sia, amplia gli orizzonti e insegna a comunicare e lavorare in ambienti diversi.
  • Lavorate o almeno viaggiate in un paese nuovo. La sensibilità culturale è una competenza in ascesa.
  • Passare più tempo a fare domande che a dare risposte. In un mondo che cambia, l’atteggiamento vincente è una profonda curiosità per ciò che ci circonda, accompagnata all’umiltà di accettare che le risposte che siamo in grado di dare da soli sono veramente poche (e non riguardano le grandi sfide delle organizzazioni e del mondo).

Cosa ne pensate? Cosa aggiungereste? Cosa eliminereste?

Info Odile Robotti
Odile Robotti, ha una laurea in Economia Politica (Università Bocconi), un MBA (SDA Bocconi) e un Ph.D in psicologia (University College London). Ha lavorato in IBM e in McKinsey&Co prima di fondare la società di formazione manageriale Learning Edge (www.learningedge.it). È docente presso l’Università Vita-Salute San Raffaele e cofondatrice e presidente di un’organizzazione di volontariato (MilanoAltruista) e di un’associazione senza fini di lucro (ItaliaAltruista).

One Response to Cinque propositi per l’anno nuovo dedicati a aspiranti leader

  1. Valentina scrive:

    Inizio col dire che il mentoring è una pratica efficace e importante, che fortunatamente sta prendendo sempre più piede nelle aziende e nei contesti lavorativi.
    Ma vorrei fare una riflessione: perchè il beneficiare di esperienze e di conoscenze di donne più esperte, per noi si chiama mentoring mentre per gli uomini è una prassi quotidiana e normale?
    Perchè dobbiamo giustificare con delle pratiche quello che gli uomini fanno da sempre in maniera così naturale?
    Viva il mentoring che valorizza le donne, ma cerchiamo il prima possibile di farlo diventare una pratica naturale.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: